Articoli

rimedi-naturali-per-disturbi-intestinali

Disturbi intestinali: riportare l’equilibrio naturalmente

Intestino gonfio, crampi, colite, colon irritabile sono tra i disturbi intestinali più frequenti nella nostra società. Le cause sono da ricercarsi nello stile di vita moderno: l’abuso di farmaci, soprattutto antibiotici, l’utilizzo di sostanze che alterano la naturale acidità dello stomaco, un’alimentazione ricca di zuccheri e di proteine di origine animale, pasti consumati frettolosamente, lo stress e le tensioni delle giornate frenetiche che quotidianamente viviamo. Tutto questo porta ad un’alterazione della popolazione di microrganismi che risiede nel nostro intestino e che compone la flora intestinale.

Continua a leggere

glutine_gonfiore

Attenti al GLUTINE!

Ebbene sì, ora finalmente è ufficiale: non esiste solo la celiachia ma anche una forma di intolleranza al glutine molto più diffusa, altrimenti detta “gluten sensitivity”…

Nuove evidenze hanno finalmente permesso anche alla medicina tradizionale di riconoscere “ufficialmente” una “nuova” patologia: la gluten sensitivity (sensibilità al glutine) o altresì “l’altra celiachia”.
A meno che i test di laboratorio “ufficiali” non ne diano prova inconfutabile, con la conseguente diagnosi di celiachia, la medicina ufficiale ha sempre ignorato, infatti, che un soggetto possa avere un “problema” con il glutine. Eppure, riferendoci solo al nostro paese, sono circa 3 milioni le persone che, pur in assenza di test positivo per la celiachia, accusano sintomi a questa sovrapponibili: intestino irritabile, gonfiore, scariche, dolori addominali, emicrania, stanchezza cronica, anemia e disturbi correlati. Grazie ai suoi studi, il Dottor Alessio Fasano, ricercatore dell’università del Maryland a Baltimora e da anni impegnato nella ricerca sugli effetti del glutine nell’organismo, ha finalmente permesso di riconoscere ufficialmente ciò che la medicina alternativa sostiene da tempo: l’ipersensibilità al glutine (e ai cereali che lo contengono) esiste; possiamo chiamarla “intolleranza al glutine” oppure “gluten sensitivity”, oppure anche, come si legge spesso, “celiachia mascherata” o “quasi celiachia”… Continua a leggere

candida_test

Quanto diffusa è la Candida nel tuo organismo? Scoprilo con un semplice TEST

La candidosi cronica è una sindrome complessa che si instaura quando miceti del genere Candida (in particolare la Candida albicans), fisiologicamente presenti, assieme a circa 400 specie di microrganismi benefici diversi, nel nostro apparato gastrointestinale, prendono il sopravvento sulla microflora, proliferando in modo eccessivo ed incontrollato e trasformandosi da miceti innocui ad invasivi e patogeni. Numerose sono le cause e i fattori predisponenti: la dieta eccessivamente ricca di zuccheri e carboidrati raffinati, disfunzioni immunitarie, uso/abuso di farmaci (soprattutto antibiotici), funzionalità epatica alterata, disequilibrio della flora intestinale. La candida, proliferando, si trasforma in un micelio invasivo che riesce a creare dei varchi tra le cellule della mucosa intestinale consentendo il passaggio di cellule del micete, o di parti di esse, e delle numerosissime tossine da esso prodotte che, andando a diffondersi nell’intero organismo portano allo sviluppo vero e proprio della cosidetta “sindrome da lievito”. Continua a leggere

candida_recidivante

È quasi primavera…la Candida si “risveglia”!!! …ma per fortuna c’è il GSE…

È un dato di fatto che le infezioni del tratto genitale sostenute da miceti del genere candida si presentano con frequenza sempre maggiore, soprattutto nella popolazione femminile. Oggigiorno sono moltissime le donne che soffrono di continue recidive! Le manifestazioni di vaginite micotica sono infatti tra le cause più comuni di consultazione ginecologica. L’aumento di tale incidenza è dovuto in particolare ad abitudini alimentari errate (soprattutto all’eccesso di zuccheri e di carboidrati raffinati), all’abuso di antibiotici a largo spettro e alla grande diffusione dei contraccettivi orali.

Altri fattori implicati sono la biancheria intima troppo stretta e poco traspirante e l’uso di detergenti che non rispettano il delicato l’equilibrio della mucosa genitale. Se è senz’altro vero che l’alta incidenza di infezioni ginecologiche da candida è riscontrabile durante tutto l’arco dell’anno, è altrettanto vero che il picco di crescita maggiore inizia proprio a primavera…quando la candida si “risveglia”!
Continua a leggere