uva_ursina1

UVA URSINA: ATTIVA SOLO SE IN AMBIENTE ALCALINO?

Una questione dibattuta da “sfatare” una volta per tutte!

L’Uva ursina (Arctosatphylos uva ursi) è una pianta della famiglia delle Ericaceae, nota per l’azione benefica quale disinfettante del tratto urinario e per questo tradizionalmente utilizzata, da sola o in associazione, per il trattamento e la prevenzione delle infezioni alle vie urinarie. In ambito fitoterapico si riscontra spesso il dubbio se sia necessario associare, alle terapie che prevedono l’assunzione dell’Uva ursina, prodotti che alcalinizzino l’organismo, al fine di rendere efficace l’attività dell’Uva ursina stessa. Continua a leggere

herpes

Herpes labiale: oggi, grazie a GSE e rimedi naturali specifici è possibile prevenirlo!

HERPES SIMPLEX: UN  VIRUS MOLTO DIFFUSO

L’Herpes simplex tipo 1 (HSV-1) è il virus responsabile delle tipiche lesioni erpetiche a livello orofacciale, soprattutto in corrispondenza delle labbra e delle zone adiacenti, note come herpes labiale. È un virus molto diffuso: è stato infatti stimato, grazie ad indagini sierologiche, che la quasi totalità della popolazione mondiale (90-95%) ne è portatrice e, come tale, è in grado di trasmetterlo.

Di questa, circa il 40-45%, in seguito alla prima infezione, va incontro a manifestazioni ricorrenti di herpes labiale, intervallate da periodi di latenza. Il restante 45-50% della popolazione, pur avendo contratto l’infezione, non manifesta le tipiche lesioni a livello delle labbra e delle zone perilabiali; questi individui sono definiti portatori sani, in quanto sono in grado di trasmettere il virus ad altre persone, sia per contatto diretto che indiretto, pur non manifestando mai alcuna lesione a livello labiale.

Continua a leggere

candida_recidivante

È quasi primavera…la Candida si “risveglia”!!! …ma per fortuna c’è il GSE…

È un dato di fatto che le infezioni del tratto genitale sostenute da miceti del genere candida si presentano con frequenza sempre maggiore, soprattutto nella popolazione femminile. Oggigiorno sono moltissime le donne che soffrono di continue recidive! Le manifestazioni di vaginite micotica sono infatti tra le cause più comuni di consultazione ginecologica. L’aumento di tale incidenza è dovuto in particolare ad abitudini alimentari errate (soprattutto all’eccesso di zuccheri e di carboidrati raffinati), all’abuso di antibiotici a largo spettro e alla grande diffusione dei contraccettivi orali.

Altri fattori implicati sono la biancheria intima troppo stretta e poco traspirante e l’uso di detergenti che non rispettano il delicato l’equilibrio della mucosa genitale. Se è senz’altro vero che l’alta incidenza di infezioni ginecologiche da candida è riscontrabile durante tutto l’arco dell’anno, è altrettanto vero che il picco di crescita maggiore inizia proprio a primavera…quando la candida si “risveglia”!
Continua a leggere

pancia_gonfia_gonfiore

PANCIA GONFIA

Pancia gonfia: ti senti scoppiare?
Quasi sempre è in relazione a un’intolleranza alimentare

QUEL FASTIDIOSO GONFIORE, SEMPRE IN AGGUATO!
Che le si dia il nome di colite, di “intestino irritabile” o semplicemente di “pancia gonfia”, il problema è sempre lo stesso: spesso all’improvviso, anche dopo aver mangiato pochissimo (magari anche cibi “indiscutibilmente sani”), si avverte un fastidiosissimo e “apparentemente inspiegabile” gonfiore addominale. Non si tratta solamente di un disturbo estetico, per “la maglia che tira”, ma di un vero e proprio disagio, legato a gonfiore e tensione addominale costanti che ci “appesantiscono” la giornata e non ci danno tregua; spesso sono associati anche crampi addominali, stitichezza o diarrea, flatulenza, meteorismo, ecc.

Continua a leggere

affezzioni_stagionali_raffreddore

AFFEZIONI STAGIONALI

PREVENIRE O RISOLVERE

la soluzione EFFERVESCENTE TUTTA NATURALE!

Le tipiche affezioni stagionali e il “terreno” individuale
Influenza, raffreddore, otite, laringite, tonsillite, sinusite, bronchite, etc… sono comunemente definite “malattie da raffreddamento”. Assai frequenti durante la stagione invernale, di esse ci si può ammalare anche in altri periodi, come ad esempio d’estate, spesso in relazione all’uso dei condizionatori d’aria e agli sbalzi caldo-freddo che ne derivano. Le variazioni repentine di temperatura contribuiscono infatti ad abbassare le difese immunitarie, aumentando la percentuale di successo da parte degli attacchi dei virus ambientali. Nel 90% dei casi, infatti, l’origine di queste affezioni è virale, sia negli adulti che nei bambini.

Continua a leggere

tosse_muco

IL MUCO E LA TOSSE

L’AIFA INFORMA: “I FARMACI MUCOLITICI PEGGIORANO LE SINTOMATOLOGIE RESPIRATORIE E SONO VIETATI NEI BAMBINI DI ETÀ INFERIORE AI 2 ANNI”

Il muco, la tosse e le varie affezioni respiratorie: gli accorgimenti più utili per evitarli e le valide alternative naturali per accelerarne la risoluzione, senza effetti collaterali, adatte a bambini ed adulti.

Recentemente l’ufficio di farmacovigilanza dell’AIFA, Agenzia Italiana del Farmaco, in seguito ad una revisione di sicurezza condotta sulla classe dei mucolitici sia per uso orale, sia rettale, ha pubblicato una Nota Informativa mettendo in luce i rischi collegati all’utilizzo di tali farmaci, in particolare nei bambini di età inferiore ai 2 anni. I principi attivi di sintesi coinvolti sono: acetilcisteina, carbocisteina, ambroxolo, bromexina, sobrerolo, neltenexina, erdosteina e telmesteina, contenuti in numerosi medicinali, per la maggior parte dispensati senza obbligo di ricetta.  Questi farmaci hanno attività mucolitica e fluidificante e sono assai frequentemente utilizzati nel trattamento delle affezioni acute o croniche dell’apparato respiratorio, in adulti e bambini. Continua a leggere