Login
password dimenticata?

Non sei ancora registrato?

Registrati

Il nostro approccio, il vostro corpo

Il nostro fine è evitare di contrastare i processi fisiologici dell’organismo. Il nostro è un approccio olistico. Un approccio che favorisce il ripristino dell’equilibrio fisico, affrontare le cause con la massima efficacia. Garantendo così un rapido sollievo dalle sintomatologie.

SELEZIONA LA TUA ESIGENZA

occhi

Occhi

LA SALUTE OCULARE


 
IL NOSTRO OCCHIO È UN SISTEMA IN EQUILIBRIO DINAMICO, PROTETTO DA UNA BARRIERA MOLTO IMPORTANTE: IL FILM LACRIMALE


 
Il film lacrimale è uno strato fluido e sottile che ricopre la superficie esterna del bulbo oculare e svolge un ruolo di vitale importanza per la funzionalità dell’occhio. La stabilità del film lacrimale è un segno distintivo della salute oculare.
 
Svolge una funzione OTTICA, TROFICA, DI DIFESA, LUBRIFICANTE E DI PULIZIA.


 
LA STRUTTURA DEL FILM LACRIMALE È PIUTTOSTO COMPLESSA E SI COMPONE DI 3 STRATI PRINCIPALI:

4 IMM1 Tavola disegno 1

FATTORI E SINTOMI IMPLICATI NEL DISEQUILIBRIO DEL FILM LACRIMALE SONO ESSENZIALMENTE:

AMBIENTALI e FISIOLOGICI

  • polvere, umidità, inquinamento (allergeni)
  • ambienti con luce artificiale
  • particolari condizioni ormonali (menopausa)
  • assunzione di particolari farmaci
  • (antistaminici, anticoncezionali orali)
  • uso prolungato di lenti a contatto
  • allergie, alterazioni della tiroide, ecc.


 
SINTOMI

  • bruciore
  • irritazione
  • fotofobia
  • lacrimazione abbondante
  • prurito
  • intolleranza alle lenti a contatto
  • arrossamento della congiuntiva
  • stanchezza visiva
IMM1 02

L’ALTERAZIONE DELLA FUNZIONALITÀ LACRIMALE PUÒ PREDISPORRE ALL’INSORGENZA DI DIVERSI DISTURBI, QUALI:

 

AFFEZIONI OCULARI DA LENTI A CONTATTO
(CHERATITE, ABRASIONE CORNEALE, SECCHEZZA OCULARE, IRITE)

IMM1 03

 

 

 

CONGIUNTIVITI

(BATTERICHE, MICOTICHE, VIRALI, DA AGENTI CHIMICO-FISICI, ALLERGICHE)

IMM1 04

 

 

 

AFFEZIONI DELLE PALPEBRE E DEL CONTORNO OCCHI
(CALAZIO, ORZAIOLO, BLEFARITE, DACRIOCISTITE, DERMATITE PALPEBRALE)

IMM1 05

La blefarite è un’infiammazione che interessa il bordo palpebrale (giunzione muco epidermica), nella zona di impianto delle ciglia. Spesso è accompagnata da presenza di secrezioni e croste che favoriscono l’infezione. Le specie batteriche maggiormente coinvolte sono gli streptococchi e gli stafilococchi. Vi sono anche blefariti da Chlamydia e Citomegalovirus; talvolta vi sono blefariti con coinvolgimento di Candida albicans.

I sintomi tipici sono: prurito, bruciore e arrossamento del contorno occhi, edema palpebrale, perdita delle ciglia, irritazione congiuntivale con lacrimazione e fotofobia. La problematica tende spesso a cronicizzare: ciò può provocare un’alterazione della funzionalità delle ghiandole di Meibomio (situate nella palpebra superiore, ghiandole escretorie aventi funzione di secernere la componente lipidica del film lacrimale, con funzione di difesa della cornea e di controllo dell’evaporazione dello strato acquoso delle lacrime).

La modifica del film lacrimale che ne consegue può essere una delle cause scatenanti della sindrome dell’occhio secco (l’infiammazione del bordo palpebrale che interessa le ghiandole deputate alla produzione dello strato lipidico: in queste condizioni il secreto è alterato per cui il contatto dello stesso con le strutture della superficie oculare determina un deficit del film lacrimale).

 

Estratto di semi di Pompelmo (GSE)


 
L’Estratto di semi di Pompelmo (GSE) si comporta come uno straordinario “pulitore selettivo”, agendo senza intaccare la flora microbica delle mucose e/o danneggiare la funzionalità oculare.  Il GSE costituisce un rimedio ideale per le affezioni oculari e palpebrali di natura virale e batterica.

IMM1 07

Camomilla


 
La Camomilla è usata da secoli come antinfiammatorio e antiossidante nel trattamento di infezioni oculari e disturbi degli occhi, inclusi dotti lacrimali ostruiti e congiuntivite. È stato valutato l’effetto protettivo e antinfiammatorio di un collirio contenente estratti di Camomilla su cellule epiteliali corneali umane, dimostrando di essere in grado di proteggerle da morte cellulare indotta dai raggi UVB, di migliorare la guarigione della lesione e di svolgere, infine, anche una potente attività antiossidante.
 


Calendula


 
La Calendula rappresenta un ricco fitocomplesso di derivati triterpenici, flavonoidi (quercitina, rutina, astra-galina), mucillagini e carotenoidi che le permettono di vantare un’eccezionale azione antinfiammatoria e decongestionante, garantendo sollievo dal bruciore e dall’irritazione oculare.
 


Acido ialuronico


 
L’Acido ialuronico è un glicosaminoglicano che ricopre un ruolo cruciale nei processi fisiologici di riparazione e rigenerazione tissutale. Studi in vitro, hanno, infatti, dimostrato che l’Acido ialuronico, attraverso l’interazione specifica con recettori presenti sui fibroblasti e sulle cellule endoteliali, è in grado di stimolare fattori di crescita e citochine necessari per il processo di guarigione, riducendo nel contempo la contaminazione batterica e il rischio di infezione.  Possiede, inoltre, proprietà muco-adesive e barriera.

Polisaccaridi da Tara e Alga Rossa


 
Questi Polisaccaridi sono in grado di formare un film resistente, flessibile e non occlusivo che imita le funzioni di barriera della cute. Proteggono, infatti, da inquinanti (-47%), irritanti (-22%) e allergeni (-62%), mantenendo le naturali proprietà della pelle. L’effetto protettivo di questa materia prima è stato studiato in un modello di epidermide ricostruita 3D infiammata e con un’alterata funzione barriera. Il trattamento ha dimostrato una capacità di ridurre l’adesione, non solo di sostanze inquinanti e allergeni, ma anche batteriche.

IMM1 09

Carnosina


 
La Carnosina è un dipeptide costituito da alfa-alanina e L-istidina. Grazie alla sua azione antiossidante, risulta particolarmente indicata nella protezione da danno ossidativo indotto dalla luce solare (raggi UVA, UVB, luce visibile e raggi infrarossi) e invecchiamento, aumentando l’elasticità e la compattezza cutanea.
La Carnosina protegge dagli effetti associati ad esposizione a raggi UVB che, al pari dei raggi UVA, provocano danni ossidativi a DNA, degradazione del collagene e ipopigmentazione, soprattutto a carico dell’epidermide. Inoltre, protegge le cellule anche dalle conseguenze indotte dalla luce visibile, in particolare dalla luce blu (400-500 nm) che è l’unica frazione del visibile che può indurre danno ossidativo e iperpigmentazione.
 
 


Cere vegetali da Jojoba, Girasole e Mimosa


 
Le Cere vegetali, grazie alla loro natura lipofila non occlusiva, contribuiscono in modo efficace a diminuire la perdita d’acqua transepidermica, esercitando in questo modo un’azione barriera ed emolliente sulla pelle. La sinergia tra gli oli e le cere presenti nell’emulsione svolge un’azione protettiva, favorendo il livello otti-male di idratazione della pelle e ristabilendo quindi il corretto film idrolipidico cutaneo.
 
 


Acqua di Amamelide


 
L’Amamelide è una nota pianta officinale dall’azione lenitiva e rinfrescante, utilizzata in passato per le irritazioni oculari dovute ad una lunga esposizione alla luce. Per la presenza nelle foglie e nella corteccia di tannini, viene impiegata in erboristeria per la prepara-zione di estratti fluidi e pomate con proprietà decongestionanti e astringenti. 

Gliceril Caprilato


 
Il Gliceril Caprilato è l’estere dell’acido caprilico e glicerina e svolge un’azione idratante e barriera; viene utilizzato anche come booster della conservazione in quanto è in grado di inibire la crescita di alcune specie batteri-che, come S. aureus. Inoltre, è in grado di stabilizzare le emulsioni e migliorare lo skin feeling. Infatti, riduce l’effetto bianco e l’untuosità, aumentando la setosità e donando un after-feeling vellutato.

IMM1 10

Altea


 
L’Altea è una pianta officinale particolarmente apprezzata per il trattamento delle irritazioni della mucosa oculare. Le sue radici infatti presentano un’alta percentuale di mucillagini, che tendono a formare sulla pelle un sottile strato protettivo e idratante; risulta dunque ottima per defaticare e lenire occhi e palpebre arrossati e disidratati.
 


Sambuco


 
I fiori di Sambuco sono particolarmente apprezzati per l’azione antinfiammatoria, garantita dai flavonoidi (canferolo, astragalina, rutina, quercitina, isoquercitina, iperoside) in grado di modulare la secrezione di citochine e di ridurre l’attività delle interleuchine proinfiammatorie. A questa azione si aggiunge anche quella lenitiva, esercitata dalle mucillagini e quella antiossidante, che protegge la pelle dallo stress indotto da luce UV, agenti inquinanti e fatica, traducendosi in una riduzione delle occhiaie e delle borse sotto gli occhi.
 


Alga verde


 
L’estratto di Alga verde svolge un’azione decongestionante e riattivante del microcircolo, riducendo la presenza di edema perioculare. Inoltre è stato osservato che è in grado di aumentare l’espressione del collagene 1 e del collagene 3, conferendo ai tessuti maggior elasticità.

IMM1 08

Eufrasia


 
L’Eufrasia è una pianta medicinale con un grande e riconosciuto uso tradizionale nel trattamento dei distur-bi oculari, compresa l’allergia oculare. I costituenti più significativi del fitocomplesso sono i glicosidi iridoidi (l’aucubina in particolare) che conferiscono un’eccellente azione lenitiva, grazie alla loro capacità di di-minuire la produzione di citochine quali (IL-1 beta, IL-6, TNF-alfa) a livello di cellule corneali.

perche-i-fastidi-del-condotto-uditivo-colpiscono-cosi-spesso-i-piu-piccoli
Perché i fastidi del condotto uditivo colpiscono così spesso i più piccoli?
continua a leggere