probiotici e fermenti lattici

Fermenti lattici e probiotici

a cosa servono?

Il termine probiotico viene dalle parole greche “pro” e “bios” e significa “a favore della vita”. Con questo vocabolo si identificano tutti quei microrganismi vivi in grado di assicurare effetti benefici alla salute delle persone quando assunti per via orale in quantità appropriata.

Per poter essere veramente efficaci questi microrganismi, una volta ingeriti, devono poter raggiungere la mucosa intestinale vivi e vitali: per riuscirci i probiotici devono essere in grado di sopravvivere all’acidità gastrica e alle aggressioni da parte delle sostanze contenute nella bile. Una volta arrivati nell’intestino, per svolgere la loro azione benefica, devono riuscire sia ad aderire alla mucosa intestinale sia a colonizzarla stabilmente.

I fermenti lattici

Spesso nel linguaggio comune il termine “probiotici” viene usato impropriamente come sinonimo di “fermenti lattici”. In realtà quest’ultimi sono un particolare sottogruppo dei “probiotici” e sono quei microrganismi che, oltre ad essere in grado di avere un effetto benefico sulla flora batterica intestinale, sono caratterizzati anche dalla capacità di produrre acido lattico: una sostanza particolarmente importante per l’equilibrio dell’ecosistema intestinale.probiotici-e-fermenti-lattici

L’acido lattico, prodotto soprattutto dai lattobacilli e dai batteri del genere bifidus, acidifica l’ambiente ed inibisce in questo modo la crescita dei microrganismi patogeni. Con la loro presenza e attraverso dei meccanismi di competizione con i patogeni, i fermenti lattici svolgono una funzione di barriera difensiva e ci proteggono da aggressioni da parte di batteri pericolosi.

I fermenti lattici, che costituiscono una parte importante della flora microbica intestinale, svolgono, inoltre, delle funzioni essenziali per il nostro metabolismo e indispensabili per la nostra salute tra le quali:

  • la sintesi di vitamine,
  • la digestione delle fibre e la produzione di acidi grassi a catena breve, sostanze utilizzate da alcune cellule come fonte di energia e capaci di stimolare l’assorbimento di Calcio, Magnesio, Ferro.

Infine, questi batteri benefici sono in costante contatto con il sistema immunitario presente a livello del tratto digerente e ne modulano la risposta. Risulta, quindi, evidente che se vogliamo essere in salute per prima cosa dobbiamo mantenere in salute il nostro intestino e la flora microbica che lo popola! Ciò è possibile anche attraverso un’efficace integrazione di probiotici.

I diversi ceppi e le loro proprietà

Quando ci troviamo a scegliere i fermenti lattici dobbiamo fare molta attenzione nell’identificare quelli più adatti per noi e che sono diversi nel caso di adulti e bambini: studi scientifici dimostrano, infatti, che la composizione della flora batterica intestinale si modifica nel corso della vita, anche in base al tipo di alimentazione o allo stile di vita, in particolare in seguito all’uso di antibiotici.

Questi farmaci, infatti, non sono in grado di discriminare i batteri “cattivi” causa delle malattie da quelli “buoni” ed indispensabili per il corretto funzionamento del nostro organismo: ecco spiegato perché nel corso di un trattamento con antibiotici, spesso compaiono disturbi del tratto gastrointestinale come feci molli o diarrea, e perché in caso di terapia è indispensabile associarvi fermenti lattici. Molto importante è favorire la ricolonizzazione dell’ambiente intestinale continuando l’integrazione di fermenti lattici anche una volta conclusa la terapia antibiotica.

I fermenti lattici per adulti

Per gli adulti tra i batteri “amici” più importanti ci sono il Lactobacillus acidophilus e il Bifidobacterium bifidum: questi microrganismi colonizzano stabilmente la mucosa intestinale e producono sia acido lattico che rende l’ambiente inospitale per i batteri pericolosi, sia altre molecole che contrastano direttamente la proliferazione dei microrganismi nocivi. Infine, questi fermenti lattici sono molti utili per risolvere eventuali infiammazioni intestinali.

fermenti-lattici-per-bambiniPer contribuire a creare un ambiente favorevole alla colonizzazione benefica è utile associare il Lactobacillus bulgaricus: un batterio transiente che aiuta il Lactobacillus acidophilus e il Bifidobacterium bifidum a prosperare e a colonizzare la mucosa intestinale in modo stabile. Il Lactobacillus bulgaricus, inoltre, allevia i problemi digestivi, favorisce la digestione delle proteine, potenzia il sistema immunitario, ed è particolarmente raccomandato per massimizzare l’efficacia dello smaltimento di scorie e tossine che possono rendere l’organismo meno reattivo e pronto a difendersi dagli attacchi microbici.

Fermenti lattici per bambini

Poiché la composizione della microflora intestinale in età pediatrica è diversa da quella che si osserva in età adulta, nel caso dei più piccoli, è necessario orientare la propria scelta verso l’integrazione di specifici fermenti lattici per bambini: alcuni studi indicano che il Bifidobacterium infantis e il Lactobacillus rhamnosus sono tra i microrganismi più idonei per l’età pediatrica: il primo è il principale colonizzatore dell’intestino infantile, indispensabile per l’adeguato sviluppo del sistema immunitario e per la prevenzione di infezioni, mentre il secondo è particolarmente utile per ridurre sia la durata sia la gravità delle gastroenteriti acute.

Un preziosissimo alleato per la salute del bambino è anche il Bifidobacterium breve, un fermento lattico con una spiccata capacità di adesione alla mucosa intestinale dei bambini e caratterizzato da antibiotico-resistenza naturale non trasmissibile ad altri microrganismi. Questa caratteristica lo rende particolarmente indicato quando il bambino viene sottoposto ad una terapia antibiotica.

I fermenti lattici svolgono al meglio la loro funzione benefica quando sono associati ad estratti vegetali capaci di favorire l’equilibrio della flora batterica locale e di supportare le difese immunitarie. Ora che abbiamo compreso cosa sono i fermenti lattici e quando e perchè è importante assumerli abbiamo tutti gli elementi per agire al fine di mantenere in equilibrio il nostro intestino e in salute tutto l’organismo.

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 − 13 =