GOLA

gola600

Con il termine generico gola si definisce il tratto anatomico interno alla parte anteriore del collo formato dalla faringe, dalla laringe e dalle parti superiori della trachea e dell’esofago; attraverso questi canali organici passano sia l’aria che respiriamo, sia i cibi che ingeriamo. Come si intuisce dalle parti anatomiche la costituiscono la gola, non presenta una struttura ossea, ma è sorretta dallo scheletro del collo, che si trova immediatamente dietro di essa.

Per quanto riguarda i muscoli, i più importanti sono lo splenio e lo sternocleidomastoideo, entrambi tesi tra le ossa della testa e lo sterno, che ricoprono la gola nella sua parte anteriore; anche la lingua che si trova all’interno della cavità orale ricopre un ruolo importante avendo un ruolo essenziale nella deglutizione e quindi nel passaggio dei cibi attraverso la gola.
Nei pressi della gola, passano anche importanti vasi sanguigni, quali l’arteria carotide, che porta il sangue ossigenato al cervello, e la vena giugulare, che trasporta invece verso la vena cava superiore il sangue povero di ossigeno. Questi due vasi sono essenziali alla vita dell’organismo, poiché nutrono il cervello: questo è il motivo per cui la gola è una delle parti più vulnerabili degli animali, uomo compreso.

Sono considerati parte della gola anche le corde vocali, il pomo d’Adamo, l’epiglottide e le adenoidi.
Le corde vocali, formate da sottili membrane, sono situate nella laringe ed insieme alla lingua, ai denti e al palato formano l’apparato vocale o fonatorio. Il pomo d’Adamo è una sporgenza delle cartilagini tiroidee della laringe; la sua funzione è quella di proteggere la laringe. Le adenoidi fanno parte del sistema linfatico, e servono a proteggere le vie aeree dalle infiltrazioni batteriche, sono posizionate nella rinofaringe, la parte più alta della gola. L’epiglottide è, infine, una piccola membrana cartilaginea che si trova tra faringe, esofago e laringe; essa, grazie ad un riflesso involontario si chiude sula laringe al momento della deglutizione il suo ruolo è di proteggere quest’ultima, durante la deglutizione, dall’ingresso del cibo, richiudendosi sotto la spinta della lingua.

Diverse e numerose sono le malattie che colpiscono la gola, poiché, come si è detto, essa è formata da una struttura molto varia: tra le patologie della laringe ricordiamo soprattutto la difterite, che cominciando da questa parte dell’organismo può arrivare a danneggiare anche il cuore e provocare così la morte dell’individuo affetto; fortunatamente, questa malattia è stata praticamente debellata grazie ad un’antitossina. Le infiammazioni possono invece colpire sia la faringe che la laringe, e possono essere di natura sia virale che batterica; non meno gravi sono la laringite e la faringite, e la prima può essere anche in grado di procurare stati di afonia. Ma la più grave delle malattie è certamente il cancro, che può colpire facilmente le laringi soprattutto dei grandi fumatori e bevitori.
La gola è quindi un organo delicato esposto più di altri al rischio di infezioni microbiche, è perciò di fondamentale importanza prendersene cura avendo a disposizione i rimedi naturali adatti.