Login
password dimenticata?

Corsi Executive

EXECUTIVE FARMACIA: MANAGEMENT ETICO

5 weekend da febbraio a giugno 2021

executive management etico

Una professione per la competenza a 360°

Un percorso formativo completo atto a fornire le competenze eccellenti necessarie al Professionista della salute, che gli consentono di essere un imprenditore preparato e dinamico protagonista del suo punto vendita, con le competenze necessarie per risolvere al meglio le richieste e le problematiche dei propri clienti: i suoi «Followers».

“Il PROFESSIONISTA DELLA SALUTE è un imprenditore preparato e orientato alla valorizzazione delle persone e del territorio”.

Farmacie, parafarmacie ed erboristeri stanno attraversando una fase molto complessa della loro storia. Da anni si trovano a dover gestire gli effetti di una crisi che colpisce anche gli acquisti di prodotti e farmaci primari: una crisi incrementata dalla concorrenza spesso dequalificata e puramente di prezzo dell’e-commerce. Per far fronte alle nuove dinamiche di mercato occorre attrezzarsi investendo sulle proprie competenze e su quelle dei collaboratori.
La farmacia e l’erboristeria sono punti vendita specializzati che rivestono un ruolo fondamentale per la salute. Sono però delle imprese ed hanno non solo l’obiettivo di essere riconosciute come punto di riferimento per la salute della propria clientela, ma anche l’esigenza di produrre reddito e “perdurare nel tempo”.
Per questo il professionista della salute oggi più che in passato deve essere cosciente e rigoroso nelle scelte e nella pianificazione, imparare metodo e comunicare la propria immagine ma soprattutto i propri valori. Principi e valori che devono essere necessariamente individuati e condivisi con il team e comunicati, grazie agli strumenti linguistici e tecnologici più all’avanguardia, all’utilizzatore finale e al territorio.
La coerenza personale e professionale sarà ciò che determinerà il suo successo.

INFORMAZIONI GENERALI

Durata: 5 weekend

Location: PRODECO PHARMA Castelfranco Veneto (TV)

Faculty: la docenza è affidata a professionisti, manager e imprenditori riconosciuti e apprezzati come eccellenze nei loro settori di competenza, che con una collaudata metodologia didattica garantirantiscono un apprendimento graduale e completo delle materie trattate

A chi è rivolto: Farmacisti titolari e Direttori di Farmacie e Parafarmacie, Collaboratori, Neolaureati e operatori del settore

Prezzi: 6.600 € + IVA per la frequenza dell’intero percorso, 1.600 € + IVA per i singoli moduli, comprensivi di vitto e alloggio relativi alla giornata di sabato e domenica. 

Prezzi agevolati per Punti Etici e Oasi Etiche: 3300 € + IVA per la frequenza dell’intero percorso, 900 € + IVA per i singoli moduli, che potranno essere saldati anche con l'utilizzo delle abilities accumulate, contatta il tuo agente di zona per conoscere il tuo saldo. 

L’Executive consente ai partecipanti di accedere anche a percorsi on-line in grado di garantirgli l’accreditamento di 50 ECM complessivi

Tutti gli appuntamenti sono a numero chiuso: le date verranno attivate al raggiungimento del numero minimo dei partecipanti. Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione. 

La partecipazione all'intero percorso attribuisce al punto vendita un valore di 1000 abilities plus a partecipante. 

Moduli corso

MISSION,VALORI E PRINCIPI PER RAGGIUNGERE CONCRETAMENTE E RAPIDAMENTE GLI OBIETTIVI 

LEADERSHIP SITUAZIONALE E CHANGE MANAGEMENT: “Diventare il Leader del XXI sec orientandosi agli obiettivi alle persone e alla facilitazione del cambiamento”

La LEADERSHIP SITUAZIONALE è un modello per sviluppare le capacità relazionali al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati utilizzando un linguaggio comune. Essa invita i Leaders ad allinearsi con i Followers ed i Followers ad “insegnare” ai Leaders come essere “gestiti”: il livello di “partnership” cosí creatosi, garantisce il raggiungimento degli obiettivi più ambiziosi. Tuttavia nel XXI secolo, anche un Leader Situazionale deve sapersi confrontare con l’inerzia al cambiamento insita in ciascun collaboratore.
Per questo motivo, il modulo “Leadership Situazionale e Change Management”, unico nel suo genere, abbinerà il precedente strumento, al modello di gestione del cambiamento più importante al mondo: il modello ADKAR. L’abbinamento di questi due modelli rappresenta la risposta più innovativa alle sfide imprenditoriali attuali: empatia e comunicazione, proattività e risultati eccellenti, flessibilità e qualità totale.

SIMONE ROSATI

Laurea in Filosofia della Scienza, Dottorato di Ricerca in Epistemologia della Complessità e Integral Theory (Simone Rosati è un esperto internazionale di SOFT SKILLS E STRATEGIC SKILLS, Leadership, Management, tecniche di motivazione, tecniche di comunicazione, strategie di apprendimento, Forecasting.
È Master Practitioner NLP, Mental Athlete (SUPERBRAIN 2018 2nd posizione al Campionato Italiano di Memoria), Trainer e Coach (Metodo Emotional Intelligence), Coach (Metodo Integral Coaching), Trainer Mindfulness, SOFTSKILL MENTOR dell’incubatore Food Tech più importante in Europa. Come Trainer, Consulente, Coach e Progettista lavora/ha lavorato per: INFORMAZIONE S.r.l., H&M, Goodyear Milan, Lottomatica, Vodafone Italy, ONU, Ci EffeInternational Consulting, Engineering S.p.A., CBRE, Mediolanum Bank, Takeda, Albero della vita NGO, Fondazione Paoletti NGO, Novara Hospital, Università Cagliari, Università Bicocca Milano, Quadriga Art-New York, Sterling, BMW Italy, Campari, Teddy, Mellin Danone, IBM, IDMC, ICBPI, Ars Medica Hospital Roma, MCH Siciliy, 50&Piú Enasco, QlikViewItaly.

IL PUNTO VENDITA PER LA SOSTENIBILITA’ DEL BENESSERE E DELLA SALUTE

I punti che verranno trattati, discussi e «messi a terra» nel modulo, per focalizzarsi e operare in questo senso, saranno:
- Ridurre i costi aziendali in termine di efficentamento energetico
- Incrementare i ricavi attraverso la CORPORATE COMUNICATION e progetti che mirano a promuovere la nostra immagine, la nostrastoria, i nostri valori sia a livello interno che esterno
- Differenziarci dai competitors per l’attenzione ai temi e al ruolo dell’azienda per la sostenibilità e integrare tale impegno nel piano finanziario del punto vendita e costruire un piano strategico a lungo termine che sia considerabilee misurabile dagli stakeholders.

RETE CLIMA E WHATMATTERS
Collaborano da diverso tempo in stretta sinergia attraverso una serie di servizi tra loro integrati e complementari con l’obiettivo primario di accompagnare, tramite soluzioni ad hoc, le imprese in un
percorso verso la sostenibilità intesa come criterio strategico, misurabile e integrato.
Porsi come obiettivo la Corporate Social Responsability = CSR anche per la farmacia è un obiettivo tanto sfidante quanto stimolante e coinvolge sia il team interno che i suoi «followers». La rende
un’azienda in grado di coniugare gli obiettivi di impatto sociale e ambientali positivi nella propria strategia di business con obiettivi di tipo economico-finanziario. Sono queste le aziende che creano
profitto mentre rigenerano il sistema in cui operano, producendo un impatto positivo sulla società, sulle persone e sulla natura. Un nuovo modello di capitalismo «buono» che crea valore riconoscibile
per tutta la società.

 

 

Secondo Mancuso: “La società umana deve ispirarsi alle piante per impostare modelli di sviluppo migliori sia per la cura della persona che per un mondo basato su un’economia green, l’economia che può garantire il futuro del pianeta. Dobbiamo imparare dalle piante come vivere meglio in quanto esseri umani: le piante sono la massima espressione dell’attitudine alla vita. L’uomo da sempre ha una specie di mal funzionamento cognitivo studiato dalla neurologia. Si chiama Plant Blindness, cecità alle piante, ed è legata alla bassa capacità di calcolo del nostro cervello. Non riusciamo a processare tanti dati e invece le informazioni che ci arrivano attraverso i nostri sensi sono in numero incredibile. Il verde era dappertutto e sovraccaricava i nostri sensi. Per questo abbiamo imparato a isolarlo e a focalizzarci sull’arrivo di altri animali o esseri umani. Al tempo concentrarsi su di loro e non sulle piante era vitale per la nostra sopravvivenza. Questo meccanismo che ci ha aiutato agli inizi della nostra evoluzione oggi è un vero e proprio svantaggio perché ci impedisce di capire qual è invece il vero motore della vita sulla Terra”.

STEFANO MANCUSO

È uno scienziato di prestigio mondiale di origine siciliana, professore all’Università di Firenze. Negli anni ha ricevuto numerosi riconoscimenti scientifici a carattere internazionale. Nel 2012 “La Repubblica” lo indica tra i 20 italiani destinati a cambiarci la vita e nel 2013 “New Yorker” lo inserisce nella classifica dei “world changers”. Con la sua start-up universitaria PNAT brevetta “Jellyfish Barge”, il modulo galleggiante per coltivare ortaggi e fiori completamente autonomo dal punto di vista di suolo, acqua ed energia presentato all’EXPO Milano 2015 che si è aggiudicato l’International Award per le idee innovative e le tecnologie per l’agribusiness dell’United Nations Industrial Development Organization (UNIDO). È autore di volumi scientifici e di centinaia di pubblicazioni su riviste internazionali. Insieme al presidente di Slow Food Carlo Pertini e al Vescovo di Rieti Domenico Pompili, ha lanciato l’iniziativa “Un albero in più”, con l’obiettivo di piantare 60 milioni di alberi, uno per ogni italiano. Lo scopo sarebbe quello di ridurre il riscaldamento globale e i suoi effetti visto che gli alberi, oltre a produrre ossigeno, rimuovono dall’atmosfera la CO2, l’anidride carbonica responsabile dell’effetto serra.

 

INNOVAZIONE PER IL PROFESSIONISTA, APPROCCIO OLISTICO ALLA SALUTE: ALIMENTAZIONE, FITOTERAPIA ED EQULIBRIO MENTE-CORPO

 

Alimentazione

L’alimentazione è uno dei più importanti “stressor” esistenti in natura. Infatti alcuni alimenti hanno la capacità di influenzare la reattività neurovegetativa e altri di stimolare la reazione di recupero post-stress. Quindi è chiara l’importanza di distribuire gli alimenti in maniera tale da favorire questo ritmo “stress-recupero” anziché contrastarlo.
Se per esempio la sera assumiamo carboidrati semplici, nervini, grassi saturi, ecc. stiamo contrastando il ritmo, apportando alimenti in grado di liberare citochine pro-infiammatorie; se lo facciamo ogni giorno per oltre un mese ecco che il nostro organismo instaura una reazione cronica a questo stressor aumentando la fase di stress a scapito della fase di recupero. L’alimentazione influenza la nostra salute anche attraverso il carico di acidità renale (PRAL).
Diversi studi hanno dimostrato che un alimento con PRAL positivo apporta molecole acide al rene e quindi all’organismocontribuendo all’acidificazione della matrice extracellulare. Appartengono a questa categoria tutti gli zuccheri raffinati, le proteine e i grassi animali. L’acidità della matrice è una delle cause principali della destrutturazione della componente ossea (osteo-penia e osteoporosi): le molecole basiche, di cui l’osso è ricco, vengono infatti trasferite agli altri tessuti per contrastare la crescente acidosi.
Gli alimenti vegetali sono un valido aiuto per ridurre l’infiammazione, inoltre migliorano le fasi di recupero perché
contengono delle molecole capaci di ridurre direttamente l’infiammazione cronica.

Relatori

DAMIANO GALIMBERTI
Laureato in Medicina e Chirurgia. Specialista in Scienza dell’Alimentazione. Presidente dell’Associazione Italiana Medici Anti-Aging. Prof a C. in Nutrigenomica, Epigenetica e Medicina
Antiaging. Direttore del corso di Nutrigenomica & Epigenetica c/o International School of Medical Sciences. Docente in Scienza dell’Alimentazione e Nutrigenomica c/o Master Medicina Estetica – Universitàdi Camerino.
Il termine “Inflammaging” (infiammazione associata all’invecchiamento) è stato coniato per definire lo stato infiammatorio cronico, acuto o subclinico sistemico comune a molte malattie età-correlate. La chiave per invecchiare con successo non può quindi prescindere dalla necessità di diminuire l’infiammazione cronica.
Occorre pertanto procedere da una conoscenza dei processi biologici alla sua base, ad un attento monitoraggio clinico e ad una terapia mirata, anche incentrabile sull’impiego di
endomodulatori genetici. Il ruolo di una sana e corretta alimentazione è fondamentale nella gestione degli stati infiammatori dell’organismo

ELENA FAVARO
Naturopata di Prodeco Pharma, specializzata nel 2003 presso l’Université Européenne Jean Monnet. Nel corso degli studi ha approfondito tematiche che tutt’ora sono la sua passione quali l’alimentazione per la salute e l’approccio alla persona facendo fede al principio olistico che considera psiche e soma entità inseparabili.
Esperta in alimentazione olistica, funzionale e appassionata di cucina naturale, macrobiotica, oligoterapia, floriterapia e tecniche olistiche quale yoga e meditazione. Pratiche che l’accompagnano nel quotidiano, alimentazione in primis, poiché considerati elementi fondamentali per il benessere psico-fisico.

GIOVANNI CATANIA
Laureato in Scienze Farmaceutiche Applicate presso l’Università degli Studi di Padova e in Alimentazione e Nutrizione Umana presso l’Università Statale di Milano. E’iscritto all’ordine dei biologi nutrizionisti. La passione per lo sport l’ha portato a specializzarsi nell’ alimentazione legata alle discipline sportive. Attualmente lavora come biologo nutrizionista in Prodeco Pharma.
Consapevole dell’impegno e dell’attenzione che sono necessarie per coltivare e sviluppare le proprie passioni, si è posto l’ obiettivo di far comprendere e trasmettere quanto dedizione e entusiasmo siano componenti fondamentali per una sana alimentazione e per il benessere e l’equilibrio fisiologico dell’organismo. Appassionato musicista suona il corno francese.
Questa passione gli ha trasferito la convinzione che debba essere osservata una grande dedizione anche nello svolgere le attività quotidiane della vita e, di conseguenza, anche nel semplice ma fondamentale bilanciamento del proprio stile alimentare.

Mente e corpo

La sintomatologia vista come occasione di comunicazione tra psiche e soma. Comprendere il messaggio inviato dal corpo come stimolo al cambiamento e ad uno stile di vita più sostenibile. Creare una comunicazione intrapsichica tra le varie parti del sé come base di una salute psicologia ed emotiva che permetta una corretta elaborazione degli stressor ambientali. Il metodo Mindfullness,
e di Psicoterapia Compassionevole basato sulla meditazione permette un approccio Mente- Corpo altamente funzionale.
Nei processi infiammatori un ruolo chiave è giocato dal cortisolo, l’ormone dello stress: questo ormone è stimolato da cibo e stress. Se il suo compito è importante per far fronte alle infiammazioni, in caso di stato infiammatorio cronico e costante la sua presenza diventa però negativa per l’organismo. Oltre al cibo utile a contrastare lo stress, occorre trovare il modo di rilassarsi. Gli studi ci dicono che le discipline meditative, come Tai Chi Chuan o Yoga, aiutano moltissimo ad abbassare i livelli di infiammazione.
In generale tutte le attività fisiche che ci fanno sentire bene e ci piacciono hanno un effetto benefico: cantare, ascoltare musica o suonare uno strumento, stare coi propri figli e gli amici.
Alti livelli di cortisolo sono presenti nelle persone che dormono poco la notte e non hanno un’adeguata fase di recupero e riposo: sono sempre in stress ossidativo e inflamm-aging, con conseguenze negative in termini di invecchiamento. Al pari dell’alimentazione e della meditazione, con il suo potere rilassante, anche il sonno non va trascurato.
Non dimentichiamo, infine, il sorriso. Occorrono, insomma, anche pillole di curiosità, socialità, gioia e serenità. Se si potesse, sarebbero da prescrivere anche molti abbracci e carezze.

Relatori 

DANIELA MARTELLOTTI
Psicologa Psicoterapeuta Olistica di Prodeco Pharma, Laureata in Psicologia Clinica e di Comunità, Specializzata in Psicoterapia ad Approccio Integrato presso IFREP-MESTRE, Devi o Maestra delle Antiche Discipline Tantrike. Come professionista una frase la distingue: “… se vi capita di passare sotto il cielo di Qualcun’Altro vi raccomando: … lasciate fuori dal transito le scarpe larghe della distrazione… usate la gentilezza attenta del movimento lento e del passo discreto… bisogna essere cortesi quando si entra nel cielo d’Altri…” (Pino Roveredo).

MARIO THANAVARO
All’età di 22 anni in Inghilterra incontra Achaan Sumedho, maestro e monaco buddhista. Nell’ottobre del 1977 diventa anagarika (senza fissa dimora) a Londra, e l’anno successivo diventa samanera
(novizio). Riceve upasampada (ordinazione di bhikkhu) nel 1979 su un’imbarcazione del Tamigi dal suo precettore il venerabile Dr. Saddhatissa Maha Thera e così diventa il primo m naco occidentale
discepolo di Achaan Chah ad essere ordinato in Inghilterra. Il suo nome spirituale sarà d’ora in poi Thanavaro (Fondazione eccellente).
Per 18 anni ha come maestro Achaan Sumedho e come monaco itinerante visita la Svizzera, la Thailandia, la Birmania, l’Australia, gli Stati Uniti, l’India, il Nepal, lo Sri Lanka ed Israele. Incontra altri
Maestri che lo colpiscono in modo profondo, tra i quali il XIV Dalai Lama, il XVI Karmapa, Achaan Chah, Achaan Buddhasa, Krishnamurti, Namkhai Norbu Rimpoche, il Maestro Hsuan Hua. La sua
ricerca spirituale lo porta allo studio e alla pratica anche di altre tradizioni. Dopo 12 anni di vita all’estero (Inghilterra e Nuova Zelanda), ove contribuisce alla fondazione e crescita di alcuni monasteri, nel 1990 torna in Italia e fonda il primo monastero Theravada. Trascorre 18 anni di vita monastica, di cui gli ultimi 6 anni lo vedono impegnato come Abate, Maestro di meditazione, Presidente dell’Unione Buddhista Italiana e membro della Fondazione Maitreya. Ora come amico e guida spirituale tiene conferenze e seminari di pratica meditativa e conduce ritiri di Vipassana
(visione profonda) in tutta Italia.

Fitoterapia

La fitoterapia è, molto probabilmente, la più antica medicina di cui l’uomo si è avvalso nei secoli. Ancora oggi molti farmaci utilizzati comunemente nella pratica clinica sono costituiti da estratti di piante o da derivati di esse: questo sarebbe già un buon motivo per interessarsi di fitoterapia. Lungi dal costituire un capitolo interessante ma superato della storia della medicina, la Fitoterapia rappresenta il metodo terapeutico verosimilmente più diffuso al mondo. Nel modulo si faranno cenni di fitoterapia applicata in ambito ospedaliero perfettamente integrata nelle pratiche cliniche e sanitarie. Un percorso per comprendere e condividere l’approccio fito-terapeutico coerente e consapevole.

Relatori

FABIO FIRENZUOLI 

Autore di numerosi libri di argomento fitoterapico e di oltre ottanta articoli scientifici. È responsabile del Centro di Ricerca e Innovazione in Fitoterapia e Medicina Integrata CERFIT, struttura di riferimento per la fitoterapia presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Careggi, nonché coordinatore scientifico e docente del Master in “Fitoterapia generale e clinica” dell’Università degli Studi di Firenze. La fitoterapia applicata in ambito ospedaliero e perfettamente integrata nelle pratiche cliniche e sanitarie. Questo l’obiettivo e il sogno di tutto un movimento, questo il lavoro quotidiano del Prof. Firenzuoli. Primo in Italia, da anni porta avanti un serio lavoro scientifico e clinico che ha portato alla istituzione del CERFIT, oltre che alla pubblicazione di moltissimi studi e lavori scientifici. Grazie alla sua esperienza e sensibilità medica, approfondiremo tematiche delicate ma estremamente attuali e rilevanti.

MATTEO FLORIDIA 

Matteo Floridia si è laureato in Biotecnologie Mediche, ha conseguito un Master di II livello in Fitoterapia Clinica.
Ha svolto attività di docenza universitaria, di formazione e di divulgazione scientifica principalmente all’interno del CERFIT di Firenze, Centro di Ricerca e Innovazione Regionale in Fitoterapia e Medicina. Lavora in Prodeco Pharma dove affianca l’attività di ricerca scientifica in ambito clinico e pre-clinico a quella di responsabile dell’Innovazione dell’azienda.

 

 

GESTIONE DELL’IMPRESA: VISIONE FINANZIARIA ED ECONOMICA DELL’ATTIVITA’ IN FARMACIA

I numeri “vivi” dell’azienda farmacia. La gestione economico-finanziaria in 6 parole: cambiamento, competitività, innovazione, sostenibilità, imprenditorialità, “NOI”

Il corso si propone di trasferire in maniera dinamica e coinvolgente le principali informazioni utili alla corretta gestione e monitoraggio dell’azienda farmacia. Considerata la situazione di profondo cambiamento ed evoluzione del settore risulta fondamentale collegare i pochi numeri necessari a comprendere lo stato di salute dell’azienda farmacia ed il suo andamento, alla consapevolezza di chi si vuole “essere” e quindi di cosa “fare” per raggiungere gli obiettivi aziendali e professionali. Durante il corso saranno analizzati, condivisi e spiegati i principali aspetti di una corretta gestione economico-finanziaria dell’azienda farmacia e gli strumenti utili e necessari per il monitoraggio e la programmazione della stessa: bilancio, controllo di gestione, budget. Il tutto proposto con il dinamismo, l’entusiasmo e la semplicità del dott. Franco Falorni.S.p.A (2015).

FRANCO LUIGI FALORNI

Nato a Cascina (Pisa) e laureato in Economia e Commercio all’Università di Pisa, Dottore Commercialista e Revisore Ufficiale dei Conti. Negli anni ottanta ha lavorato presso i Laboratori Guidotti nella funzione Marketing e nella Direzione Generale. Nel 1986 ha iniziato l’attività di Dottore Commercialista specializzandosi nel settore delle farmacie. Al momento lo Studio Falorni offre consulenza circa 250 Farmacie (private e pubbliche), alla distribuzione intermedia, alle Associazioni sindacali di categoria. Lo Studio Falorni è specializzato anche in altri settori (Enti religiosi ad es.), occupa 30 persone interne e mantiene collaborazioni esterne con varie professionalità (informatiche, legali, marketing). Professore a contratto del Corso di Economia Aziendale presso il Dipartimento di Farmacia dell’Università di Pisa e Docente di numerosi corsi di formazione. Presidente del Collegio dei Revisori di Federfarma Nazionale, Consulente e Membro della Commissione MEF (Ministero dell’Economia e delle Finanze) per la Federazione Ordini Farmacisti Italiani. Presidente della Fondazione Casa Cardinale Pietro Maffi Onlus. Collabora e scrive articoli per diverse riviste di settore quali PuntoEffe, Farmamese, IFarma ed altre. Ma alla fin fine chi è Franco Luigi Falorni? Osservatore del sistema farmacia, commercialista di trincea, docente di economia aziendale, forse anche disegnatore. Gira con una cassetta degli attrezzi con tronchesine, filo spinato, nasi rossi da clown e cambi campagnoli che ha fatto impazzire Metal detector e addetti alla sicurezza degli aeroporti di tutta Italia. Dice ai farmacisti che i numeri sono “vivi” e che spesso si “vendicano”. Dice anche, sempre ai farmacisti, che con 10 numeri è possibile comprendere lo stato di salute della propria farmacia e che per fare questo non occorre il commercialista ma una sana cultura imprenditoriale. Pubblicazioni F. Falorni, Una Cassetta degli attrezzi per costruire il futuro vicino e lontano. L’azienda è come un branco di pesci, Editoriale Giornalidea S.r.l, Grafiche Milani

 

MARKETING E COMUNICAZIONE PER LA SALUTE: SOCIAL MEDIA MKTG E MKTG ETICO

L’effetto dirompente dei social media e degli smartphone ha sconvolto tutte le regole del gioco. Il modulo affronterà le seguenti tematiche:
1. Come e perché il social media marketing ha surclassato
tutto l’altro marketing.
Verranno analizzzati una serie di indicatori statistici per comprendere al meglio quale è stata l’evoluzione dei social media marketing degli ultimi tre anni e quali sono gli scenari del prossimo biennio nell’ambito del marketing delle professioni.
2. Nel marketing di relazione, il primo brand sei tu, titolare di farmacia.

Insieme impareremo come costruire un marchio personale e professionale e come acquisire rilevanza e notorietà in rete.
Saper strutturare un piano editoriale digitale capace di incrementare l’engagement e le conversioni attraverso il coinvolgimento delle piattaforme di micro influencer è garanzia per poter essere
sul mercato virtuale ed incrementare i risultati nel mercato di relazione.
3. Dalla teoria alla pratica: ovvero metodi, tecniche e strumenti di employee advocacy. Vedremo come la gestione coordinata dei profili personali decuplica i risultati delle attività di marketing sulle piattaforme social; vedremo come si gestisce un profilo, una vetrina e una pagina social e come si coordinano efficacemente le attività di web marketing e social media marketing affinchè la feeback economy influisca su fatturati e reputazione.
4. La parola ai protagonisti!
Dai contenuti didattici a quelli esperienziali: sarà dedicato del tempo ai feedback dei partecipanti per analizzare lo “stato dell’arte” delle esperienze di social media marketing attuate in farmacia e il confrontarle con i contenuti appresi, per individuare soluzioni innovative ad alto contenuto di posizionamento.

HISKILL

MICHELE CICCOLELLA
Psicologo e sociologo del lavoro, socio fondatore di HiSkill e responsabile nazionale della divisione farmacie. Frequenta da 20 anni il mondo della farmacia e si occupa di consulenza manageriale nell’ambito della formazione e selezione del personale. Negli anni è stato relatore in diversi convegni e congressi organizzati dalle Federfarma ed Ordini provinciali come di consorzi ed aziende sui temi della gestione ed organizzazione della farmacia.

DAVIDE ZUCCHETTI
Socio fondatore di HiSkill e Social Media Manager. Si è sempre occupato di mondo social e media marketing e collabora come Business Professional presso la Business School del Sole 24 Ore. È Member della Microsoft Tech Community, Indipendent Writer presso HR.com, World News Inc ed Accademia.Edu. Ha sviluppato significative esperienze di consulenza in ambito marketing e social media presso le farmacie clienti FarmaHi- Skill oltre che aziende clienti del gruppo HiSkill.