Iperacidità, reflusso, bruciori, difficoltà digestive: la soluzione immediata senza farmaci

Un bruciore che nei momenti più inaspettati ti prende qui, appena sotto lo sterno, ti risale fino alla gola e pare non passare più; la sensazione di avere un macigno del peso di una tonnellata proprio sullo stomaco; un dolore acuto alla parte alta dell’addome così totalizzante da impedirti di pensare ad altro; un gonfiore continuo che non riesci a spiegarti,…: un quadro clinico che, visto così, ammettiamolo, suscita un po’ di timore unito però a curiosità: “di che problematica stiamo parlando? quali sono le cause? Anche io ho accusato questi sintomi!” Non ti preoccupare, sei in buona compagnia! Stiamo parlando delle problematiche forse più diffuse al mondo! Si stima che circa il 70% degli adulti accusi i sintomi descritti, e che il 50% dei soggetti sopra i 45 anni, per averli trascurati, porti delle conseguenze a lungo termine. E allora, sciogliamo pure i misteri: ormai lo avrai capito, stiamo parlando delle problematiche gastriche e dei sintomi ad esse correlati!! Cerchiamo quindi, qui di seguito, di spiegare l’origine di questi disturbi. Continua a leggere

Quanto diffusa è la Candida nel tuo organismo? Scoprilo con un semplice TEST

La candidosi cronica è una sindrome complessa che si instaura quando miceti del genere Candida (in particolare la Candida albicans), fisiologicamente presenti, assieme a circa 400 specie di microrganismi benefici diversi, nel nostro apparato gastrointestinale, prendono il sopravvento sulla microflora, proliferando in modo eccessivo ed incontrollato e trasformandosi da miceti innocui ad invasivi e patogeni. Numerose sono le cause e i fattori predisponenti: la dieta eccessivamente ricca di zuccheri e carboidrati raffinati, disfunzioni immunitarie, uso/abuso di farmaci (soprattutto antibiotici), funzionalità epatica alterata, disequilibrio della flora intestinale. La candida, proliferando, si trasforma in un micelio invasivo che riesce a creare dei varchi tra le cellule della mucosa intestinale consentendo il passaggio di cellule del micete, o di parti di esse, e delle numerosissime tossine da esso prodotte che, andando a diffondersi nell’intero organismo portano allo sviluppo vero e proprio della cosidetta “sindrome da lievito”. Continua a leggere