OCCHI E ORECCHIE

occhi_orecchie600

L’occhio, l’organo della vista complesso e delicato, è deputato al meccanismo della visione per mezzo di alcune strutture che lo rendono otticamente equivalente ad una macchina fotografica. L’occhio ci garantisce la visione trasformando la luce in informazioni che, sotto forma di impulsi elettrici, arrivano al cervello. Quando fissiamo un oggetto, la luce che da esso proviene entra nei nostri occhi, attraversa una serie di lenti naturali, che sono in sequenza la cornea, il cristallino ed il corpo vitreo che corrispondono alle lenti dell’obiettivo di una macchina fotografica, e va ad “impressionare” la retina (la pellicola).

La complessità e la molteplicità degli elementi che concorrono alla sua funzionalità lo rendono particolarmente delicato; se poi si considera che si tratta di un organo che ha per forza di cose contatti con l’esterno, risulta evidente la peculiare vulnerabilità rispetto ad aggressioni di varia origine (batteriche, virali, atmosferiche, da corpi estranei, etc.). La retina trasmette informazioni al cervello inviando impulsi elettrici attraverso un cavo biologico: il nervo ottico.

La funzione di protezione è affidata alla congiuntiva, alle palpebre e all’apparato ghiandolare annesso. La congiuntiva è una sottile mucosa trasparente che riveste la superficie anteriore dell’occhio e le pareti interne delle palpebre; la sua funzione di difesa della cornea è possibile non solo grazie ad un’azione puramente meccanica (realizzata tramite la distribuzione omogenea del liquido lacrimale), ma anche grazie alla secrezione di anticorpi (IgA e IgG) e di sostanze ad azione antibatterica (lisozima). Le palpebre, con i loro movimenti, contribuiscono a regolare la quantità di luce che entra nell’organo, proteggendolo da un’illuminazione troppo intensa; diffondono inoltre il secreto lacrimale sulla congiuntiva in modo tale da consentirne il continuo lavaggio ed impedirne la disidratazione. Il sistema ghiandolare è deputato principalmente alla secrezione del liquido lacrimale, in modo tale che si realizzi il corretto bilanciamento tra le componenti acquosa e lipidica del liquido lacrimale stesso, al fine di evitarne l’evaporazione troppo rapida con il rischio di esporre l’occhio a secchezza oculare.

A volte, nei confronti di agenti microbici, fisici e chimici, allergeni, corpi estranei, ecc., le armi naturali dell’occhio possono non essere sufficienti a proteggerlo; possono perciò insorgere diverse problematiche, a seconda della causa in gioco e della parte dell’occhio coinvolta.
L’orecchio è l’organo dell’udito e può essere suddiviso in 3 parti:
• orecchio esterno, composto dal padiglione auricolare e dal condotto uditivo, ha il compito di raccogliere le onde sonore;
• orecchio medio, formato dalla cassa timpanica con la membrana timpanica, da tre ossicini che sono il martello, l’incudine e la staffa e dalla tromba di Eustachio, è deputato a ricevere e a trasmettere le vibrazioni prodotte dalle onde sonore all’orecchio interno;
• orecchio interno, che comprende il labirinto, formato dal vestibolo sede dell’equilibrio e dalla chiocciola, organo neurosensoriale dell’udito, trasmette gli stimoli delle vibrazioni all’encefalo e presiede al senso dell’equilibrio.
Anche questo distretto anatomico è, sovente, soggetto all’insorgenza di problematiche di varia natura, dalla banale formazione del tappo di cerume alla dolorosa otite media.
Di fondamentale importanza è quindi avere a disposizione efficaci rimedi naturali al fine di risolvere le diverse affezioni, ciascuno con un approccio mirato alle cause della problematica e con i veicoli adatti all’idoneo utilizzo nel distretto anatomico interessato.